Browsed by
Autore: admin

Le immunità di cui godono i ministri, i parlamentari e le alte cariche dello Stato

Le immunità di cui godono i ministri, i parlamentari e le alte cariche dello Stato

Il 12 febbraio l’aula del Senato ha approvato la richiesta, avanzata dal Tribunale dei ministri di Catania, di autorizzazione a procedere in giudizio nei confronti di Matteo Salvini per il reato di sequestro di persona, nell’ambito del caso Gregoretti del luglio 2019.

A differenza che per il caso Diciotti, molto simile, Salvini non è insomma stato tenuto al riparo dall’indagine della magistratura e dovrà ora affrontare il processo penale. Ma quali sono i limiti dell’immunità di cui godono i ministri? E come funziona per i parlamentari? E per il presidente della Repubblica? Andiamo a vedere i dettagli.

L’immunità dei ministri ed ex ministri

Il presidente del Consiglio e i ministri, in base all’articolo 96 della Costituzione, «sono sottoposti, per i reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni, alla giurisdizione ordinaria, previa autorizzazione del Senato della Repubblica o della Camera dei deputati».

Godono quindi di una “immunità relativa”, cioè parziale, in base alla quale gli è comunque garantita una tutela rafforzata rispetto a quella prevista per i comuni cittadini: se il reato è stato commesso nell’esercizio delle loro funzioni (non si tratta quindi di “reati comuni”, slegati dalla funzione ministeriale: ad esempio un ministro che trova la moglie a letto con l’amante e li uccide entrambi), il Senato può decidere se dare o meno l’autorizzazione ai giudici a procedere.

Se l’indagine della magistratura è successiva alla cessazione dalla carica, ma riguarda fatti accaduti durante questa, anche gli ex ministri e gli ex presidenti del Consiglio sono coperti dall’immunità.

Questa facoltà del Senato è disciplinata dalla legge costituzionale n.1 del 1989. In base a questa il Tribunale dei ministri, una sezione specializzata del tribunale ordinario composta da tre magistrati estratti a sorte che è presente in ogni Corte d’Appello, avanza la sua richiesta di autorizzazione a procedere in giudizio alla camera competente (quella di appartenenza o, nel caso in cui il presidente del Consiglio o il ministro non siano anche parlamentari, il Senato). Questa analizza la richiesta prima nella propria Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, che redige una relazione per chiedere all’aula di dare o meno l’autorizzazione, poi nell’aula con un voto finale che definisce la questione.

Inoltre, sempre in base alla legge costituzionale n.1 del 1989 (art. 10), nei procedimenti disciplinati dall’art. 96 della Costituzione il presidente del Consiglio e i ministri non possono essere  sottoposti a misure limitative della libertà personale, a intercettazioni telefoniche, sequestro della corrispondenza o perquisizioni «senza l’autorizzazione della Camera competente (…) salvo che siano colti nell’atto di commettere un delitto per il quale è obbligatorio il mandato o l’ordine di cattura».

L’immunità parlamentare

I parlamentari, in base all’articolo 68 della Costituzione, godono dell’immunità per quanto riguarda le «opinioni espresse e i voti dati nell’esercizio delle loro funzioni». Possono insomma, nell’esercizio delle loro funzioni, esprimere opinioni che configurano un reato (ad esempio ingiuria o diffamazione) senza doverne rispondere.

Inoltre non possono subire perquisizioni domiciliari o personali, non possono essere arrestati o altrimenti privati della libertà personale, mantenuti in detenzione e intercettati senza l’autorizzazione della Camera di appartenenza. L’arresto non deve essere autorizzato solo se arriva in conseguenza di una sentenza irrevocabile di condanna o se avviene in flagranza di reato (cioè quando si viene colti “con le mani nel sacco”).

A differenza che per i ministri e per il presidente del Consiglio, questa tutela rafforzata dei parlamentari nei confronti delle indagini e dei provvedimenti della magistratura non è limitata ai reati funzionali: i giudici ad esempio non possono intercettare senza autorizzazione un parlamentare, anche se temono che sia coinvolto in un traffico internazionale di droga che nulla ha a che vedere con la sua funzione.

L’immunità del presidente della Repubblica

Il presidente della Repubblica gode della forma più forte di immunità prevista dall’ordinamento italiano. In base all’articolo 90 della Costituzione, infatti, il presidente della Repubblica «non è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione».

A differenza dell’immunità parlamentare, quella del presidente della Repubblica copre non solo i voti e le opinioni, ma tutti gli “atti” compiuti nell’esercizio delle sue funzioni.

A differenza dell’immunità dei ministri e del presidente del Consiglio, poi, non è nemmeno prevista la possibilità che il Parlamento possa autorizzare i giudici a procedere contro il Quirinale. Sempre, è bene sottolinearlo, per reati funzionali. Quelli extra-funzionali, secondo la giurisprudenza costituzionale (che pure ammette non sia sempre facile operare la distinzione), non sono coperti da immunità.

Le uniche eccezioni a questa irresponsabilità sono due reati gravissimi: l’alto tradimento e l’attentato alla Costituzione. Il contenuto di questi reati non è particolarmente definito, anche perché in concreto non è mai successo che un presidente della Repubblica venisse accusato di averli commessi. A livello teorico si tratta comunque di gravissimi casi di infedeltà del Capo dello Stato rispetto ai valori, ai comportamenti e alle istituzioni costituzionali.

Il presidente della Repubblica viene messo in stato di accusa, per questi reati, dal Parlamento in seduta comune, a maggioranza assoluta dei suoi componenti (art. 90 co.2 cost.), e viene poi giudicato (art. 134 cost.) dalla Corte Costituzionale.

Conclusione

L’ordinamento italiano prevede diversi tipi di immunità. I ministri e il presidente del Consiglio godono dell’immunità più blanda: per i reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni possono essere processati solo se lo autorizza il Parlamento e, nelle indagini relative, non possono subire arresti, perquisizioni o intercettazioni senza autorizzazione parlamentare.

I parlamentari godono di un’immunità più ampia: non possono essere perseguiti per le opinioni e i voti espressi nell’esercizio delle loro funzioni, in nessun caso, non ci sono di mezzo autorizzazioni insomma. Non possono poi subire arresti, perquisizioni o intercettazioni – sia per i reati funzionali sia per i reati comuni – senza l’autorizzazione del Parlamento, a meno che non ci sia una sentenza irrevocabile di condanna o un arresto in flagranza di reato.

Il presidente della Repubblica, infine, gode di un’immunità molto ampia per quanto riguarda i reati funzionali: in questo caso non è mai responsabile – di nuovo non ci sono autorizzazioni che possano essere concesse o meno – salvo che nei gravissimi casi di attentato alla Costituzione e alto tradimento. Due ipotesi che prevedono la messa in stato d’accusa da parte del Parlamento e il giudizio della Corte Costituzionale, e che non si sono mai verificate nella storia repubblicana.

Se avete delle frasi o dei discorsi che volete sottoporre al nostro fact-checking, scrivete a dir@agi.it

Agi
https://images.agi.it/pictures/agi/agi/2020/02/12/171143109-c48ead6c-2780-4108-82a5-f1805dd86f0f.jpg
https://www.agi.it/fact-checking/news/2020-02-13/immunita-politici-7067146/

Patente B: Versamenti, Regole E Documenti Per Prenderla

Patente B: Versamenti, Regole E Documenti Per Prenderla

E’ consigliato per chi ha già partecipato allo step 1 o per chi ha esperienza di guida con basi solide per affrontare una giornata dove l’obbiettivo e’ trovare la padronanza del mezzo su tutti i terreni. Patente auto grosseto E’ molto utile per chi fa uso di mezzi a due ruote anche diversi dalle Supermoto e le indiazioni avranno come obbiettivo il divertimento e l’avvicinamento allo sport del motociclismo. Partendo dalle patenti A e B, rispettivamente per Moto e Auto, fino alle patenti superiori, adatti per condurre tutti i tipi di veicoli industriali e commerciali. Le patenti C e D invece riguardano veicoli pesanti e sono richieste solo per necessità particolari come un lavoro specifico. Poi arriva l’Istat che ti dice che un terzo dei morti sul lavoro sono morti su strada. 196/03. In ogni momento, inoltre, esercitando il diritto di recesso da tutti i servizi sottoscritti, è possibile chiedere la cancellazione totale dei dati forniti. L’Autoscuola Paolini, con sede a Montelupo Fiorentino, si pone come un vero e proprio punto di riferimento per l’erogazione di servizi automobilistici e di lezioni di guida professionali sia dal punto di vista teorico che pratico. Non sottovalutate l’importante dello sguardo: la moto va dove gli occhi guardano, quindi restate concentrati, fissate il punto corretto e sarà tutto più facile (e sicuro).

Imparare A Guidare

Nei nostri corsi vengono insegnati i comportamenti, le traiettorie e le tecniche per consentire ai motociclisti e gli scooteristi di qualsiasi livello di ottenere la padronanza della moto in ogni circostanza e una guida su strada dinamica, fluida e sicura. Inoltre è possibile fare il Valentino Rossi delle onde solo nei percorsi autorizzati e adeguatamente segnalati dalle boe e indossando i dispositivi di sicurezza come la cintura di salvataggio. Il quad deriva dalle moto anche se dispone di quattro ruote e questo perchè è un mix tra una moto ed un fuoristrada, infatti è possibile guidarlo su ogni tipo di strada, sia quelle piane che per arrampicate fuori città. E’ possibile associarsi versando una quota di €15 (per scoprire i vantaggi riservati ai nostri tesserati vedi la sezione tesseramenti). Off Road: Il motociclismo e’ uno sport che si puo’ praticare tutto l’anno…basta solo usare un mezzo adeguato. Si divide in 3 step di solito 3 giornate(in base alle proprie capacità ed esperienza) in un crescendo di nozioni tecniche, serve a prendere consapevolezza della propria guida e del mezzo. Esercizi di tecnica di guida e giri su un tracciato chiuso al traffico sono alla base di quelle che saranno giornate che vi miglioreranno sotto tutti i profili di guida, rendendo la vostra guida più precisa, efficace e sicura. L’autoscuola non si occupa solo di far conseguire le patenti ma anche di passaggi di proprietà, rinnovo patente scuola guida, pagamenti bolli, cose che si occupano della parte assicurativa, della parte legale della nostra automobile.

➜ Portate il certificato medico (fatto negli ultimi tre mesi) e la sua fotocopia.

BMW offre al guidatore la possibilità di migliorare la propria guida, di addestrarsi al superamento di situazioni di emergenza, di perfezionare la propria tecnica e le capacità di utilizzo del veicolo. E’ una giornata affiancati da un istruttore che vi assisterà in tutto quello che serve, da chi deve imparare a mettere le marce a chi vuole affinare la propria tecnica di guida sulla propria moto stradale. L’’obiettivo del Centro è migliorare la qualità di guida ed il controllo della vettura, perfezionando la propria tecnica attraverso il contributo di Piloti-Istruttori qualificati: obiettivo che viene raggiunto utilizzando una struttura organizzata negli minimi dettagli. ➜ Portate il certificato medico (fatto negli ultimi tre mesi) e la sua fotocopia. E’ consigliato a chi fa un uso quotidiano o saltuario della moto o scooter, può essere fatto con tutti i tipi di moto stradali o da pista, oppure utilizzando una moto messa da noi a disposizione. Il corso e’ riservato agli associati del Moto Club Della Futa. I Corsi saranno a cura dello staff tecnico del Moto Club Della Futa e coordinati dall’Istruttore di Guida F.M.I. Meglio conoscere un po’ di meccanica per le moto da cross per comprenderne appieno le potenzialità e i rischi connessi a un’accelerata di troppo o a una sterzata azzardata.

Meglio un corso di guida sicura. Alla base del corso c’e’ il “pilota” e l’importanza dell’influenza del pilota sulla moto. Le patenti più conosciute sono due: A per le moto e B per le auto ma ce ne sono molte altre, con vari sottogruppi per tipo di mezzo, limitazioni e regole. Gran parte degli incidenti avvengono contro le auto e in prossimità degli incroci stradali. Si può scegliere l’autoscuola in base al paese o città da noi più frequentata, in base alla vicinanza da casa e alla bravura degli insegnanti. L’autoscuola è l’agenzia più frequentata dai ragazzi, che arrivati all’età consentita desiderano prendere la patente e muoversi liberamente con totale indipendenza. Oltre alla patente, di cosa si occupa l’autoscuola? Cosa serve per iscriversi a scuola guida? Sistemi di controllo dinamici (cosa sono, come funzionano, a cosa servono). Supermoto STEP 2 /3: per tutti coloro che vogliono provare la disciplina e le tecniche di guida del Supermoto mettendo anche le ruote sulla terra. Supermoto STEP 1: Per chi vuole cimentarsi nel Supermotard e scoprire il piacere del sentirsi sicuri guidando in pista. Chi è in possesso di questa patente può guidare qualsiasi tipo di motociclo senza limiti di potenza e tricicli con potenza superiore ai 600 cc se ha già compiuto i 21 anni.

La patente A3 per la moto (o patente A) consente di guidare motocicli senza limitazioni di cilindrata e di potenza, per questo motivo viene chiamata anche patente A senza limiti. Inoltre seguiamo tutte le pratiche necessarie per ottenere la patente oppure per rinnovarla o duplicarla. La scuola fornisce tutto l’equipaggiamento necessario, la moto e un istruttore dedicato che massimo gestisce 2 allievi per volta. Una volta superati i quiz ti rilasceranno il Foglio Rosa, valido 6 mesi, con cui sarai autorizzato a esercitarti per poter poi affrontare l’ultimo scoglio: l’esame di pratica. Per iscriversi a un’autoscuola oltre al pagamento, è necessario portare un documento dell’allievo, un certificato medico, un bollo e le foto che poi compariranno sul documento della patente. Ci sono persone che decidono di prendere la patente non attraverso scuole guida ma prendendo il libro alla motorizzazione e studiandolo autonomamente per poi allenarsi e fare gli esami senza alcun aiuto. Le immagini sono a scopo illustrativo, ad oggi i corsi si svolgono con vetture del marchio NISSAN e possono cambiare in funzione delle partnership tecniche. Ciao, benvenuto nella pagina dedicata ai corsi di guida sicura moto in pista di . Chi è agli inizi o comunque ha poca esperienza apprenderà in breve tempo come ottenere una guida disinvolta e sicura su ogni percorso.

Scuola Guida Auto

Di più su Autoscuola Grosseto sulla nostra home page.